Vango. Tra cielo e terra

Leggo libri per ragazzi per esigenze di formazione, ma dovrei leggerli per passione, perché quando si comincia a conoscerli quasi ti passa la voglia di leggere libri per adulti. A volte i confini sono molto sottili, altre volte effettivamente la classificazione oscilla tra young e young adults con le inconsistenti differenze che possono esserci oggi tra giovani e giovani adulti. Soprattutto perché, i libri per ragazzi delle migliori case editrici hanno trame forti, profonde, appassionanti che non hanno niente da invidiare ai migliori romanzi per adulti e sono superiori a tanti libri di una piattezza esasperante. Se la solita narrativa non vi convince provate pure a pescare dallo scaffale dei ragazzi, non ve ne pentirete.

Vango di Thimothée de Fombelle, è proprio il caso di dirlo, è uno di questi straordinari libri per ragazzi. Consigliato dai 12 anni, ma per me consigliatissimo a tutte le età. Ho letto il primo capitolo della saga in due giorni e muoio dalla voglia di precipitarmi a comprare il secondo tomo. Chi è Vango? Bella domanda: se provassi a raccontarvi tutti i protagonisti di questa storia non mi basterebbe un pomeriggio. Vi dirò solo che è un ragazzo -l’eroe adolescenziale con cui immedesimarsi è un requisito fondamentale- dalle origini misteriose. I suoi genitori sono scomparsi, è stato allevato da una bambinaia dopo un avventuroso naufragio alle isole Eolie, ha vissuto in un monastero segreto di monaci sovversivi, è stato sul punto di farsi prete, ora è ricercato dalla polizia francese che lo accusa di omicidio ma anche da altri loschi figuri, russi al comando di Stalin. Detto così sembra un minestrone e in effetti io ne so ancora troppo poco per sbrogliare la matassa, ma vi assicuro che la storia è bella e avvincente fino all’ultima pagina. L’avventura poi si snoda dagli anni ’10 agli ani ’30 del XX secolo. Sullo sfondo la presa di potere delle grandi dittature del Novecento: Hitler, Stalin, Mussolini che non sono solo personaggi di cornice ma hanno un ruolo di primo piano nella vicenda narrata. Per esempio: cosa sa Setanka, figlia ottenne di Stalin? E cosa c’entra Hugo Heckner ingegnere tedesco inviso al regime e inventore dei mitici dirigibili? E ancora, la vita e i costumi dell’Europa tra le due guerre modniali, attraversata da un capo all’altro da questa storia intricata.

Thimotée de Fombelle è una scoperta, attendo di leggere il seguito di Vango e mi butterò sul suo Tobia. La narrativa per ragazzi dell’editore San Paolo anche: scordatevi i buoni sentimenti e i riferimenti religiosi a tutti i costi, è un’immagine di San Paolo molto stereotipata. Per i ragazzi pubblica belle storie, profonde, piene di valori ma anche avvincenti, avventurose, ben scritte. Fatevi un giro sul loro catalogo. E ovviamente regalate Vango per Natale (tomo 1, tomo 2 o cofanetto). A chi? Young, young adults… fate voi. Ma leggetelo!

Con questo post partecipo al Venerdì del libro del blog Homemademamma.

Annunci

6 commenti

Archiviato in Libri per bambini, Recensioni

6 risposte a “Vango. Tra cielo e terra

  1. Witchy111

    Sembra un racconto interessante, sebbene negli ultimi tempi preferisca “letture più mature”.
    Me lo segno anche io. Lo terrò presente!

  2. Molto interessante. Me lo segno, grazie ^__^

  3. La letteratura per ragazzi è una mia abituale frequentazione: Moers, Pratchett, Pulmann. Ma questo mi manca! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...