Perchè l’Italia perde peso (e guarda Masterchef)

Prendo in prestito il titolo a Daria Bignardi che nella sua rubrica settimanale su Vanity Fair scrive:

«Pensavo che questo sarebbe stato il secolo del sesso, invece si è rivelato il secolo del cibo», disse lo scorso anno alle Invasioni un deluso e vagamente schifato Paolo Poli, alludendo al dilagante successo di trasmissioni e libri di cucina. Lui, magro e lucidissimo, non mangia quasi niente».

E’ evidente, secondo la Bignardi, che Poli si sbagliava. Sebbene la Coldiretti si affanni ad attribuire alla crisi la causa del dimagrimento medio degli italiani nell’ultimo triennio, la passione per la cucina è più viva che mai. Lo direbbe il successo di tutte le trasmissioni culinarie, Masterchef in primis, o l’invasione dei food blogger sui social network.

http://iltelevisionario.files.wordpress.com/2012/12/i-tre-giudici-del-talent-culinario-masterchef-italia.jpg?w=600&h=359

Sempre la Bignardi: «Mi sono scaricata Instagram, l’ultima moda in fatto di applicazioni, ma non riesco ad appassionarmi: ci sono quasi solo foto di roba da mangiare, non oso pensare cosa ne direbbe Paolo Poli».

Che la passione degli italiani per il cibo sia diventata più di natura estetica che “mangereccia”? Io come la Bignardi fatico a vedere il nesso tra crisi e dimagrimento. Piuttosto, credo, abbiamo scoperto che il cibo è bello, non solo da mangiare ma anche da cucinare, da fotografare, da raccontare. Quella che appare una scoperta di massa in fondo è solo un vecchio amore della letteratura. Di gastroletteratura vi ho già parlato e tra gli scaffali de Le librerie invisibili trovate anche i “libri da mangiare”.

«Adamo ed Eva si giocarono il paradiso per una mela, Esaù vendette la sua primogenitura per un piatto di lenticchie. Da sempre gli scrittori danno da mangiare e da bere ai prorpi personaggi, perché questi a loro volta nutrano i lettori: i pranzi serviti sulla pagina disvelano, come per incanto, la visione del mondo di chi si mette a tavola».

«Gli scrittori parlano di cibo, lo hanno fatto dalla notte di tempi. Dalla Bibbia in giù, scrivono Laura Grandi e Stefano Tettamanti autori della raccolta Racconti gastronomici, non esiste opera letteraria in cui, prima o dopo, qualcuno non metta le gambe sotto un tavolo o non avverta il bisogno di spegnere la sete, e quasi mai solo con l’acqua».

http://www.inmondadori.it/img/Racconti-gastronomici-NA/ea978880621351/BL/BL/01/NZO/

Una raccolta esaustiva delle incursioni letterarie nella gastronomia avrebbe contato migliaia di pagine. I curatori dell’opera hanno scelto 39 racconti. Vorrei recensire per voi quelli che giudicherò i più belli, i più originali, i più interessanti.

Spero di farvi venire l’acquolina in bocca, o quanto meno spingervi a cercare in libreria questa raccolta irresistibile. Con la speranza di contribuire, con le mie recensioni, ad esaudire l’unico ed equivocabile proposito di un libro sulla cucina secondo Joseph Conrad: «accrescere la felicità degli esseri umani».

P.S. Ma voi lo guardate Masterchef?

Annunci

17 commenti

Archiviato in Chiacchiere in libreria, Libri da mangiare

17 risposte a “Perchè l’Italia perde peso (e guarda Masterchef)

  1. Tutta la famiglia, figli compresi, davanti a Masterchef al giovedì sera. E’ l’unico appuntamento televisivo della settimana, spesso la tv non la accendiamo nemmeno. Cracco è bello ma Joe Bastianich ci fa morire dalle risate!
    A proposito dell’amore per la cucina di noi italiani, ricordo che all’università una mia amica tedesca mi raccontava: “Ma voi italiani siete tremendi, parlate sempre di cibo, vi raccontate le ricette, vi scambiate i suggerimenti. Da noi in Germania il cibo non è argomento di conversazione”. Sto parlando di 20 anni fa, da allora le cose saranno cambiate anche lì 🙂

    • Indagherò su un eventuale Masterchef Germania… In ogni caso il cibo è di gran lunga la più grande ossessione nazionale, alla pari col calcio forse. Il bello di questa raccolta però è che è trasversale nelle epoche e nelle nazioni. Ci sono scrittori di ogni luogo, anche di quelli in cui non sospetteresti un grande interesse per il cibo!

  2. adoro masterchef!!! lo guardo tutte le sere su cielo 🙂

    • Su cielo guardi la versione americana, giusto? Io mi diletto anche con quella ma la mia passione è masterchef italia. D’altronde anche Bastianich in un’intervista alla domanda sulle differenze tra masterchef usa e masterchef italia ha risposto: “Semplice. Gli italiani lo fanno meglio!”

      • guardo sia quella americana che quella italiana, più la prima dato che la danno in onda quando io sono a casa! adoro anche masterchef junior australia… anzi quello show mi commuove, è incredibile vedere quando sono bravi quei bambini!

  3. Lo seguo dall’anno scorso e ho convertito amici e famigliari alla visione XD
    L’amore per la cucina è anche amore per il “mangio bene stando in casa”, no? Inserendolo nel contesto della “crisi”.
    Quella raccolta è bellissima, comunque. Purtroppo avevo già letto un 80% dei racconti per cui non l’ho comprata, ma ci sgoloso… per restare in tema 😉

  4. io non solo vedo masterchef ma anche cuochi e fiammi, cucina con Ale, Ale contro tutti, i menù di Benedetta, cotto e mangiato con quella nuova…rai sat gambero rosso…semo diventati un popolo di magnoni!!!!
    scherzo..solo masterchef e bastardchef di crozza!!!!

    • Crozza è fantastico! “Vuoi che muoro?”
      Tu scherzi ma io sono Real Time dipendente e mi guardo davvero Cucina con Ale, Ale contro tutti, Cortesie per gli ospiti, Il boss delle torte… La Parodi non ce la faccio, nelle ricette pre-telegiornale fa certi casini che mi passa la voglia di mangiare!

  5. Grazie del consiglio! Io seguo masterchef, confermo che Carlo Cracco è un gran figo. Il cibo è bello da vedere e da mangiare, sempre e solo in compagnia di buoni amici e senza nessuna compezione.
    La crisi c’è sicuramente, ma con piccole ricette e accorgimenti vengono fuori ottimi e sfiziosi piatti.
    Almeno il cibo lasciatecelo!! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...