Quelli che… aspettano

Qualche sera fa sono stata a teatro, a vedere lo spettacolo di una piccola compagnia locale intitolato Due croci. Vorrei definirla una storia tragicomica ma ad essere sincera nel complesso è stato più che altro angosciante. Sul palco ci sono tutto il tempo due personaggi che sono, letteralmente, messi in croce. L’organizzatore di una rappresentazione pasquale sulla Passione di Cristo li ha sistemati su due croci, promettendo di raggiungerli presto con tutta la processione. Fatto sta che, vuoi la partita, vuoi il temporale, tutto salta e il paese si dimentica dei due malcapitati che rimangono ore ore in estenuante attesa. Nel frattempo ovviamente parlano, si raccontano, ti fanno anche ridere ma la situazione in sè è ovviamente angosciante. Forse lo sceneggiatore di questo spettacolo aveva in mente il celebre Aspettando Godot quando ha scritto la sua commedia. Fatto sta che, mentre in Beckett Godot non arrriva, con buona pace dei due che lo attendono, in questo caso il finale è più tragico: i due vanno incontro ad una vera Passione.

Sul tema dell’attesa è incentrato anche un romanzo straordinario, metafora dell’esistenza umana, scritto da Dino Buzzati: Il deserto dei Tartari. In esso il protagonista, Giovanni Drogo, è un giovane militare che viene inviato a presidiare la Fortezza Bastiani, ultimo baluardo ai margini del deserto. Tutta la sua esistenza trascorre in attesa dell’esercito dei Tartari. Arriveranno? Riuscirà Giovanni Drogo infine a combatterli? Non ve lo dico. Il deserto dei Tartari è un libro troppo significativo per bruciarvi il finale. Vi consiglio di leggerlo. Intanto vi lascio con il suo explicit:

Facendosi  forza, Giovanni raddrizza un po’ il busto, si assesta con una mano il colletto dell’uniforme, dà ancora uno guardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l’ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.

Nonostante l’angoscia insomma, questo spettacolo mi ha fatto pensare e rievocare molte cose. Siamo tutti in attesa di qualcosa? Di finire l’università, di realizzarci sul lavoro, di avere una promozione, di dimagrire, di fare un figlio, o anche semplicemente della domenica? In una celebre preghiera Madre Teresa raccomandava di non aspettare troppo per essere felici:

Non aspettare di finire l’università,
di innamorarti,
di trovare lavoro,
di sposarti,
di avere figli,
di vederli sistemati,
di perdere quei dieci chili,
che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,
la primavera,
l’estate,
l’autunno o l’inverno.
Non c’è momento migliore di questo per essere felice.
La felicità è un percorso, non una destinazione.
Lavora come se non avessi bisogno di denaro,
ama come se non ti avessero mai ferito e balla, come se non ti vedesse nessuno.
Ricordati che la pelle avvizzisce,
i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.
Ma l’importante non cambia: la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.
Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza.
Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida. Finché sei vivo, sentiti vivo.
Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.

Voi ne siete capaci? O siete in attesa? Cosa aspettate in questo momento?

Annunci

7 commenti

Archiviato in Curiosità, Recensioni

7 risposte a “Quelli che… aspettano

  1. cara Giulietta, io mi considero una bulimica della vita e assolutizzo ogni momento: tutto quello che posso vivere e pensare lo faccio all’istante, senza perdere tempo. Però riconosco che l’attesa ha un suo fascino, e spesso è più emozionante aspettare un evento che viverlo.

  2. E’ una preghiera? A me all’inizio sembrava più una poesia. Cmq ho amato il Deserto dei Tartari.
    Mi trovo nel mezzo, nel percorso, nell’attesa. A volte mi godo il percorso a volte vengo colta da una bulimica ansia di raggiungere il mio obiettivo subito perdendo pezzi per strada, come adesso con la tesi e l’università.
    Mi piace molto quest’esortazione, me la trascriverò da qualche parte.

    • Non saprei, credo che Madre Teresa volesse prima di tutto far meditare e poi esortare. In questo senso la considero una preghiera, rivolta agli uomini però.
      Capisco la “bulimica ansia” si finire delle cose, in questo momento tra l’altro coincidono con le tue 🙂

  3. Il libro di Buzzati è tra i miei più amati.
    Ognuno di noi ha una sua Fortezza Bastiani in cui vive, da cui si affaccia ad osservare il deserto di qualche sua situazione, di un sentimento, di una frustrazione. E aspetta.
    La tentazione di crociolarsi in una situazione di attesa è molto umana, permette di prendere tempo, di lasciare le possibilità ancora intoccate, di vivere passivamente (il che, diciamolo, è molto più comodo), di avere una speranza per il domani.
    Ma, come si ripete sempre una mia cara amica negli ultimi tempi, tempi per lei molto difficili, il futuro è solo un presente avvenuto: e se quesrto presente se non lo vivi, se non ci sprofondi dentro, inutile pensare ad alcun futuro.
    G.

    • Sai, almeno per me non si tratta di vivere passivamente. Io non vivo aspettando tempi migliori e in definitiva se ci rifletto sono felice di come sto, ora. È solo che non posso fare a meno di affidare la mia felicità al futuro, ben sapendo che non esisterà mai un momento perfetto. Mi piace molto l’esortazione di Madre Teresa. Fa bene a chiederci: cosa stiamo aspettando?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...